1,306 utenti hanno letto questo articolo

Arriva notizia che in Francia il Governo ha annunciato una legge per vietare ai medici di rilasciare “certificati di verginità”, vietare cioè una pratica che dire oscurantista è dire poco. Ad avviso di chi scrive, la proposta di legge è semplicemente stupida, in quanto la sconcertante certificazione può essere tranquillamente mimetizzata nel referto di una visita ginecologica. Il punto che giudico interessante, però,  è un altro. La faccenda è tutt’altro che indegna di interesse, eppure l’attenzione dedicatale in Italia dalla grande stampa e dai principali TG è vicina a zero. Mi aspettavo che i “social” si buttassero sulla faccenda, col suo aspetto pruriginoso, ma non mi pare che sia successo. Un’eccezione è La Stampa  che il 17 settembre ha dedicato all’argomento un ampio articolo nello spazio nobile del giornale. Scrivere quel pezzo senza che vi compaia la parola Islam è da considerare un prodigio di acrobazia del tipo delle frasi scritte usando una sola vocale (“al fantasma andava larga la palandrana”) che piacevano a Umberto Eco: ebbene. il prodigio è riuscito all’autore (autrice, nella fattispecie). Il lettore poco informato sulle cose francesi si chiederà che cosa è successo nel paese di Voltaire e del Marchese de Sade, se ospita gente che concepisce simili certificazioni. Qualcuno dovrà spiegare le cose del mondo all’innocente, che starà chiedendosi se i Francesi siano forse impazziti.

Sto prendendo la cosa in ridere, come si vede, ma in realtà non mi fa ridere per niente: c’è in Italia qualcuno che sta “prendendo le misure” di quella che vede come una prossima realtà?