1,246 utenti hanno letto questo articolo

Bentornati a una nuova pagina della rubrica “Cinema Tips”, presente solo e soltanto qui su Toscana Today. Oggi spazio alla commedia e in modo particolare al cinema romantico, un genere che purtroppo, a mio avviso, sta sparendo probabilmente troppo di circolazione e che, invece, andrebbe riscoperto. Il film di quest’oggi è di una regista donna della quale parlo molto volentieri, conosciuta più come sceneggiatrice. Sto parlando di Nora Ephron e il lungometraggio di quest’articolo è “Insonna d’amore”. Film uscito nel 1993, la coppia stellare protagonista del film è composta da Tom Hanks e Meg Ryan. Un duo che tornerà a lavorare con la regista Ephron qualche anno più tardi per il film “C’è posta per te”. Il lungometraggio è l’ideale per trascorrere una traquilla serata in casa, magari insieme al proprio compagno o compagna, e parla di un uomo, padre di un bambino, rimasto prematuramente vedovo e che, dopo 18 mesi dalla morte della moglie, trasferitosi da Chicago a Seattle, diventa improvvisamente celebre per la sua straziante storia amorosa che viene narrata in una radio nazionale La storia viene ascoltata da una donna prossima al matrimonio che vive a Baltimora e fra i due nasce un legame intrigante. C’è da dire che parliamo di un cinema costruito dando molta attenzione al parlato, allo scambio di battute e alla trama, con una fotografia ben impostata ma fondamentalmente paziente, nel senso che non vuole essere invadente sul lavoro narrativo. Un aspetto estremamente bello e positivo, a mio avviso, sono le tracce musicali, in quanto il film è arricchito da una serie di canzoni splendide di cui penso sia sufficiente citare qualche autore per capire: Louis Armstrong, Nat King Cole, Joe Cocker, Jimmy Durante, Celine Dion. Altro aspetto metacinematografico particolarmente affascinato è la continua presenza nel corso del film di continue citazioni, per non dire omaggi, rivolti a un celebre lungometraggio degli anni ’50 sempre dello stesso genere dal titolo “Un amore splendido”, con Cary Grant e Deborah Kerr per la regia di Leo McCarey, il quale a sua volta è stato un remake. Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per assaporare una piacevole serata, specialmente ora che siamo in inverno, prossimi alle festività natalizie e incerti per l’aspetto evolutivo della pandemia, in casa al caldo in compagnia di chi amiamo.