1,625 utenti hanno letto questo articolo

Si è spento nei giorni scorsi, alla veneranda età di 102 anni, Jeremiah Stamler, studioso e  ideatore, insieme ad Ancel Keys, della Dieta Mediterranea, prezioso scrigno che custodisce il segreto della longevità. Una vita, quella di Stamler, dedicata alla ricerca e alla conoscenza degli aspetti più importanti dell’alimentazione, con un’attività intensa, svolta per gran parte della sua lunga vita in Cilento, a Pioppi, dove è stato istituito il Museo Vivente della Dieta Mediterranea, un  vero e proprio cenacolo di notizie, informazioni e dettagli utili su tutti gli aspetti più importanti di un regime alimentare sano, e che oggi continua a configurarsi tra le principali realtà Cilentane, grazie all’instancabile impegno di Maria La Gloria, tra le fondatrici della Fondazione e di Valerio Calabrese, Direttore del Museo. La dieta messa a punto da Stamler e Key si basa sulla scelta di cibi prevalentemente naturali, privi di grassi saturi e quindi idonei per il sistema circolatorio, e si conferma come il regime alimentare migliore dopo l’accurata analisi fatta da un pull di esperti di ben 40 regimi alimentari diversi, nonostante frequenti contrasti e divergenze con improvvisatori e ciarlatani. Il Museo della Dieta Mediterranea collocato al primo piano del Palazzo Vinciprova di Pioppi, insieme al Museo Vivo del Mare, si avvale di cinque sale espositive arredate con pannelli descrittivi e video dedicati ai sensi, al gusto e all’olfatto, di una sala per la pasta fatta in casa con video didascalici realizzati presso le cucine delle massaie cilentane. Si realizzano con cadenza periodica laboratori didattici, corsi di cucina dei prodotti tipici della zona, e visite itineranti ai mulini e agli orti del territorio, il tutto supportato dagli studi dei due scienziati che hanno scoperto ed evidenziato la stretta correlazione tra regime alimentare e patologie cardiovascolari, valorizzando lo stile di vita della popolazione del Cilento, fatto di cibi sani, consumo regolare di verdure incontaminate, frutta, cereali e olio d’oliva, con una moderata quantità di buon vino accompagnata da una costante attività fisica. La scomparsa di Jeremiah Stamler , avvenuta in queste ore, riporta in primo piano il Cilento ed in particolare la zona di Pollica, dove egli ha lungamente vissuto, apprezzandola fortemente, e dove oggi lascia un’eredità di preziose indicazioni che dal cuore del Sud della Campania si diffondono nel mondo a garantire la salvaguardia di una vita sana e genuina.