3,053 utenti hanno letto questo articolo

Il silenzio, l’isolamento, la contemplazione della natura, l’assenza di routine e di responsabilità ordinarie; solcare i mari in barca a vela, esplorare i ghiacci del Polo Nord o vivere un altro periodo storico in  una residenza medievale, queste sono alcune tra le opportunità messe a disposizione a molti scrittori per migliorare la concentrazione, incentivare la fecondità letteraria e solleticare la creatività. Osservare scenari straordinari o stimolare l’ispirazione attraverso l’apprendimento di passatempi novelli sono  attività, veri e propri servizi, offerte a chi ha fatto della scrittura un’ arte, la ragione e la passione della propria esistenza, quel lavoro meraviglioso e necessario  che lascia  a noi lettori tracce di infinita conoscenza:  i capolavori della letteratura mondiale.

Le residenze pensate per i geni della scrittura, per i  talenti della penna sono molte e sparse  in tutto il mondo; alcune sono davvero incredibili per la loro posizione, per le caratteristiche architettoniche o per l’esperienza che fanno vivere; tutte dotate di spazi o studi dove poter lavorare, strutturare pensieri e parole e coltivare l’estro.  Un Faro alle Isole Shetland, un luogo magico dove scrivere ammirando il mare immersi nei suoni della natura tra le onde e i gabbiani. Una moderno spazio in Svizzera, una hi-tech “Treehouses” in metallo e dal design sofisticato da cui venerare le Alpi con una vista privilegiata sul Monte Bianco. Una casa in pieno Circolo Polare Artico e spedizioni in veliero dove il freddo e il paesaggio incredibilmente candido lusingano la fantasia. Una vigna in California o in Canada, il dolce profumo del mosto e  pregiatissimi vini per far fermentare la creatività.

Anche nel nostro paese esistono diverse residenze destinate agli scrittori, posti dove il loro genio viene coccolato e destato in tutti i modi possibili ,  tra le più celebri: Santa Maddalena, nella meravigliosa campagna Toscana, dove pace, natura e una atmosfera solenne e raccolta fanno da sfondo a soggiorni sapienti;  un Castello a Civitella Ranieri, in provincia di Perugia, che ospita, in piena atmosfera medievale, prodigi della scrittura appagati anche da un meraviglioso e ricercato cibo locale.

A Detroit, nell’ottica di una riqualificazione culturale e artistica della città, è nato il progetto Write A House che mira a creare una community di scrittori a cui viene dedicata una casa, anch’essa rivitalizzata e ristrutturata ad hoc, mentre il programma Arts in the Parks , sempre negli Usa, offre a scrittori ed artisti in genere diversi tipi di soggiorni come una baita in  Alaska  o una casa nelle Everglandes in Florida.

Romanzieri, poeti, autori, letterati con una stanza tutta per loro per creare, scrivere, animare fantasie e pensieri, godere di atmosfere beatificanti e stimolare lo slancio lirico, eden dove le idee diventano opere letterarie.

Maria La Barbera