224 utenti hanno letto questo articolo

21 anni fa,  ero a colloquio con Silvio Berlusconi. Entra sconvolta la infaticabile, inimitabile, straordinaria Marinella Brambilla e con fonemi strozzati ci comunica: “E’ morto Craxi”. Senza dire una sola parola io e Silvio ci abbracciammo, senza poter frenare le lacrime. Per noi, oltre che lo Statista, era come uno di famiglia, caro, carissimo, insostituibile. Oltre alla stima, avevamo voluto tanto bene a quel grande uomo, talora burbero, sempre dal cuore buono. Piangemmo a lungo, abbracciati, sino ad inumidire le giacche. La vera amicizia si coniuga anche col dolore.

1 commento
  1. Rosalino Sacchi
    Rosalino Sacchi dice:

    Con Bettino Craxi ebbi un’amicizia fraterna cominciata sui banchi della scuola media. Fummo compagni di gioco, di studio, di sport, di sregolatezze, e posso dire di averlo conosciuto a fondo. Fu precocemente, e poi sempre, animato da passione politica. Qui non voglio toccare nessun argomento di carattere politico. Solo dire una cosa: chi pensa che nella sua azione politica sia mai stato motivato dalla ricerca di vantaggi personali, è lontanissimo dalla realtà.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.