7,454 utenti hanno letto questo articolo

In questi mesi di isolamento forzato, pensare alla letteratura di
viaggio è una vera e propria boccata d’ossigeno, in quanto si tratta
di una metafora della nuova frontiera della scrittura contemporanea.
Pure io mi sono rifatto a essa, inizialmente in modo didascalico, ma,
in seguito, cercando di intercettare l’altra corrente stilistica
contemporanea: la scrittura iper reale. Punti di riferimento e di
intersezione di queste correnti letterarie sono la migrante somala di
seconda generazione Igiaba Scego e lo scrittore triestino, che ha
vissuto e insegnato a Torino, Claudio Magris. La prima, forse, è una preferenza personale, perché mi identifico nella mia coetanea somala che è nata e vive a Roma e che ha scelto di
scrivere in italiano, la sua lingua d’adozione, per calarsi meglio
nella realtà quotidiana capitolina, rivalutandola nei suoi vari
registri espressivi. Se, dapprima l’italiano la faceva sentire
straniera, perché non era la lingua succhiata con il latte materno,
poi l’ha riscoperta e valorizzata come strumento d’eccellenza per
capire e scoprire, attraverso la scrittura, la multietnica capitale
italiana in cui vive e studia, passeggiando per i mercati rionali,
sentendo gli speaker radiofonici, innamorandosi. La Scego scrive in un italiano estremamente preciso e realistico, rivelando una capacità mimetica iper reale, soprattutto nei dialoghi
crudi e serratissimi e nelle vivide descrizioni. In questo senso, la
somala si richiama a quello che Raffaele Donnarumma, docente di
letteratura italiana all’Università di Pisa, chiama iperrealismo, sia
che nella sua opera più significativa “Oltre Babilonia” scriva del
dittatore di Mogadiscio, Siad Barre, sia che racconti dei
desaparecidos argentini di Buenos Aires. Senz’altro quest’autrice iper globalizzata si riconosce più in Pier
Paolo Pasolini che in Roberto Saviano, il quale ha dato l’incipit alla
nuova letteratura iperreale. Se, infatti, Pasolini scriveva: “Io so,
ma non ho le prove”, Saviano con “Gomorra”, ora addirittura diventato
un film, ha fatto presuntuosamente capire: “Io so e ho le prove”,
dando inizio al caso letterario, studiato da Donnarumma, che ha
scritto il suo saggio sulla letteratura iper reale, prima dello sbarco
al cinema di “Gomorra”. Invece i libri dei migranti di seconda generazione sono romanzi che
scoppiano dionisiacamente e spontaneamente, sfruttando la forza di un
linguaggio dialogico sperimentale e iperrealistico, unendo mondi già
globalizzati, soprattutto in letteratura, non hanno più confini né
storici, né geografici. Eppure l’ellenismo in Somalia, come in tutta l’Africa subsahariana,
non è mai arrivato. In questo caso, non si pone, dunque, la domanda
fondamentale che Claudio Magris teorizza in “Itaca e oltre”, di fronte
ai viaggi di altissima letterature come quelli di Ulisse e di Dante,
ovvero se il l’itinerario di un cammino sia un’esperienza circolare
oppure infinita. Da una parte si mette in evidenza il nietzschiano
eterno ritorno dell’uguale, dall’altra il percorso verso un termine ad
quem, figlio dell’Illuminismo. Igiaba Scego e l’italo-algerino Amara Lakhous, che ambienta le sue
narrazioni tra Roma e Torino, si sono perfettamente integrati, sia
esistenzialmente che letterariamente. Non hanno, quindi, la nostalgia
dell’esule di Ugo Foscolo in “A Zacinto” che nel sonetto è dolore per
la distanza dalle sue radici classiche. Piuttosto nella loro scrittura
si intravede un neorealismo dal sapore pasoliniano e una parodia
iper globalizzata della società, partendo dall’esempio del postmoderno
Carlo Emilio Gadda. Tuttavia la letteratura italiana ha maestri imprescindibili del dolore
causato dalla lontananza come l’immortale Dante Alighieri, che in
esilio a Verona, si prefigura di incontrare in Paradiso il compatriota
fiorentino Cacciaguida e scrive le memorabili terzine: “Tu proverai si
come sa di sale/lo pane altrui e come/è duro calle lo scendere/ e il
salir per l’altrui scale”. Ancora più significativo per la letteratura
di viaggio sono le parole dell’Ulisse dantesco: “Fatti non foste a
viver come bruti/ Ma per seguire virtute e cagnoscenza”. Questi versi
spronano chi vede nel viaggio un percorso di maturazione e scoperta
come me, che ho cominciato a scrivere quando mi sono trasferito nella
città metropolitana di Chieri, importante libero comune del Medioevo. Come la Scego sono restato nella realtà che conoscevo, ma mi sono
proiettato indietro nel tempo: nella vita della Contessa di
Castiglione sono presenti i grandi personaggi del Risorgimento
italiano, rivissuti dal suo punto di vista, né L’usuraio di Chieri
viene affrontata la reazione di un personaggio medievale di fronte
alla morte, né I quattro massoni di Chieri sono addirittura quattro i
protagonisti che si confrontano con il nascente Illuminismo, né Il
fratello del sultano si ha la maturazione di un personaggio sospeso
tra Cristianesimo e Islam, nel giallo Sulle tracce di Fra Meo ritorno
al Medioevo, ma allargo l’orizzonte da Chieri all’Europa: in questo
romanzo mi sono lasciato trasportare dal genere noir, molto di moda
adesso, periodo in cui sono tutti giallisti. Penso che il periodo
attuale passerà alla storia della letteratura appunto come il periodo
del noir, il giallo psicologico. Un altro emblematico esempio della letteratura di viaggio italiana è
il deportato dal campo di concentramento di Fossoli al lager di
Auschwitz, Primo Levi, che in “Se questo è un uomo”, in “La tregua” e
né “I sommersi salvati” mette per iscritto, con grande maestria, un
tragico percorso esistenziale che si conclude con il suicidio, una
volta che lo scrittore torna a Torino: una parabola che rappresenta un
viaggio anti turistico, per eccellenza al pari di quelli di Magris in
“Danubio” e “Microcosmi”. Poco prima che morisse, ho incontrato a Roma l’anziano scrittore
Alberto Bevilacqua, che non conoscevo, ma di cui nutrivo stima anche
perché era uno dei pochi scrittori in Italia che viveva solo di
letteratura; gli autori comuni non vivono con il mestiere di scrivere.
Con un passato da giornalista, Bevilacqua, amico di Flaiano, Montale e
Pasolini, pur apprezzando i miei romanzi, mi ha consigliato di
abbandonare il genere storico per scrivere storie più introspettive e
più vendibili. E mi ha regalato “Un dramma borghese” di Guido
Morselli, anch’esso uscito in versione cinematografica come Gomorra. Così, la protagonista del mio romanzo più recente “Il lamento di
Marianna” è una ragazza che viveva nel Duemila, che ho conosciuto a
fondo, ma devo ammettere che è stato più difficile immedesimarmi in
lei che avevo davanti agli occhi, piuttosto che in personaggi di
secoli fa. Anche in questo caso è un’esistenza eccezionale e lo
scrittore deve appunto avere occhio per situazioni fuori
dall’ordinario e calarle nel particolare, il solo che suscita
emozione. Questo romanzo un’autofiction iper reale che attinge a piene
mani dal saggio “Iperrealtà” del già citato Raffaele Donnarumma e dal
“Padiglione d’oro” del giapponese Yukio Mishima, come Morselli morto
suicida. Peccato che il nuovo editore non abbia riportato nell’indice i
sottotili: “Il sottofondo musicale”, “Il sottofondo letterario”, “La
pasta alla Norma di una madre”, “L’autofiction di un fidanzato”,
“Disincanto e disfacimento”, “Le briciole di un amore”,
“Documentazione vissuta di un suicidio”, “La trasfigurazione di
un’esistenza”, “L’investigazione interiore”, “L’angoscia di un legame
madre figlia”, “Elaborazione di un lutto”, “Il tempo della rinascita”,
“Altri incidenti di percorso”, “Le possibilità delle esistenze”.
Perché testimoniano una mia travagliata svolta stilistica in cui, per
marcare la differenza dalle mie precedenti docufiction storiche non
uso mai il tempo verbale passato, ma il presente. Ho sognato davanti al computer di abitare altre vite e ho cercato di portare chi mi leggerà dentro il mio sogno, attraverso metafore che
sono un mezzo per entrare in un’atmosfera onirica. Ho vissuto uno
stato prolungato di trance, più che nei precedenti romanzi che
tuttavia ho scritto, anch’essi di getto, assumendo una disposizione
ossessiva nel senso che mi sentivo sempre sotto torchio e non potevo
staccarmi dalla pagina. In generale uno scrittore deve acuire lo sguardo, osservare da voyeur
sentimenti, comportamenti, gusti, ambienti, gioie e dolori. Ma, in
effetti il romanziere è un tipo strano che preferisce guardare
piuttosto che fare. Italo Svevo diceva:”La vita o si scrive o si
vive”. Luigi Pirandello: “Io sono colui che scrisse non colui che
visse”. Cesare Pavese: “Ho imparato a scrivere, non a vivere”. Da parte mia, nel romanzo che sto scrivendo, “Mal d’Africa” torno alla letteratura come viaggio di scoperta. Sarà un biglietto da visita per
gli africani che mi accoglieranno nel loro continente e anche un’
autofiction iperreale e di viaggio. Tornerò arricchito, ampliando le
mie docufiction piemontesi per poi, sperò, riuscire di nuovo a
cambiare genere letterario.

13 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] non vorrei che i malfattori leggano http://www.pannunziomagazine.it/verso-il-viaggio-iper-reale-di-amedeo-pettenati/?fbclid=IwAR02ElW9KP…, dove svelo il mio prossimo percorso letterario e La figlia del colonnello Gheddafi chiede aiuto […]

  2. […] Ma, soprattutto, che cosa c’entro io? Comunque Carpinelli, per questa sua antipatia accademica, si è rifiutato di commentare il mio primo articolo letterario sul sito del Pannunzio Magazine. http://www.pannunziomagazine.it/verso-il-viaggio-iper-reale-di-amedeo-pettenati/?fbclid=IwAR06W1Hefx… […]

  3. […] In questa desolazione, consolano, invece, intellettuali come il già citato iracheno Younis Tawfik, che ha scritto un bellissima introduzione al mio “Il fratello del sultano”, lodata al Centro Pannunzio dal compianto intellettuale letterato Giovanni Ramella. preside del Liceo D’Azeglio,mancato un paio di anni fa. Disse ddell’introduzione di Younis Tawfik al Fratello del sultano:-”Basta leggerla” ed è stato tutto dire… Pertanto al porfessor Giovanni Ramella dedico: http://www.pannunziomagazine.it/verso-il-viaggio-iper-reale-di-amedeo-pettenati/?fbclid=IwAR0AxdPRCg… […]

  4. […] Ma a differenza dagli intellettuali neri della negritudine del secolo scorso, hanno a disposizione il web per mobilitarsi. E tuttavia il fine rimane quello di Senghor, di Nyerere, di Nkruma: ovvero quello di ribadire la centralità sempre crescente delle espressioni culturali afroamericane all’interno del sistema mondiale dell’arte. Propongono, così, nuove stelle nere nel firmamento dell’Art Power e, dietro di loro, ci sono folte schiere di artisti, galleristi, collezionisti, direttori di musei, critici d’arte: il jetset culturale. Senza contare la scalata nella hit parade natalizie di libri come quelli pubblicati in italiano dalla casa editrice e/o di cui parlo sul Pannunzio Magazine: http://www.pannunziomagazine.it/verso-il-viaggio-iper-reale-di-amedeo-pettenati/?fbclid=IwAR1asJbkVj… […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.