1,975 utenti hanno letto questo articolo

Articolata ed intensa, ricca di spunti e riflessioni che hanno come denominatore comune le ansie, l’inquietudine e lo sgomento nei mesi della drammatica epidemia, l’antologia “Oltre il silenzio – La parola al tempo della pandemia” curata dal critico d’arte e  letterario Massimo Pasqualone, cattura l’interesse dei lettori per la diversa ma sentita partecipazione con cui ognuno degli autori che ve ne fanno parte,  ha testimoniato le proprie emozioni più profonde scaturite nei mesi del lockdown quando qualcosa di imprevisto ed imprevedibile ha sconvolto la vita di tutti noi umani, modificandone abitudini e programmi.  Colpisce nel volume il senso di corale partecipazione al dramma, che viene rappresentato senza veli né sovrastrutture, sotto forma di brani in prosa o di poesie, che raggiungono le pieghe più profonde dell’animo di chi le legge. Molto interessante l’ampia  prefazione di Pasqualone, in cui vengono rivisitati importanti maestri del pensiero filosofico per cercare una risposta possibile o impossibile al perché di certe trame oscure del destino dell’umanità. E Massimo Pasqualone affronta con penna lieve ma con profonda ed attenta analisi, dogmi esistenziali che molto spesso non trovano una risposta. In particolare viene affrontato il principio dell’allegoria e delle varie correnti di pensiero, fino ad arrivare allo studio delle leggi del circolo ermeneutico, per dare una spiegazione il più possibile logica al delicato legame tra autore e lettore. Elegante e raffinata la veste grafica del volume, e significativa anche l’attenzione ad aver evidenziato a piè di pagina di ogni testo raccolto, i tratti biografici essenziali di chi ne è stato l’autore, dando in tal modo un significato lirico, ma  anche enciclopedico a tutto il materiale raccolto. Un libro agile, ma importante, in cui convergono pensieri ed emozioni diverse, ma tutte frutto di un proprio vissuto e con un unico, ma fondamentale punto di convergenza: la capacità di riuscire, nonostante tutto, a comunicare e tenere sempre alto il senso dell’autocoscienza e della parola, riuscendo a trasmettere il dolore, l’incredulità, ma anche la speranza e la certezza di una ritrovata luce futura.

ANNELLA  PRISCO

AA. VV. “Oltre il Silenzio – La parola al tempo della Pandemia” – a cura e con un saggio di Massimo Pasqualone

Teaternum Edizioni – pag. 141 – costo euro 15,00