251 utenti hanno letto questo articolo

“L’ala genovese” della Moto Guzzi, animata da Giorgio Parodi e dalle tradizioni imprenditoriali di famiglia, che da Genova avviò una storia industriale e sportiva senza fine, si unisce a tutti gli appassionati della moto dell’aquila per festeggiare, dopo un duro periodo di isolamento pandemico, il Centenario della Fondazione della prima marca motociclistica italiana, in continuità con i GP Days, le giornate dedicate a Giorgio Parodi, celebrate a Genova dal 13 al 15 maggio scorsi. È infatti proprio a Genova che l’azienda ebbe la sua sede principale dalla fondazione fino al 1953, collegata via ponte radio con la succursale di Mandello del Lario, con la quale si teneva in costante contatto. Sono numerosissimi i guzzisti pronti a festeggiare un centenario davvero indimenticabile con la consueta foto davanti al cancello rosso, ma non solo, l’intero paese di Mandello, infatti, è custode del prezioso ricordo di quanto realizzato negli anni dalla famiglia Parodi: dal complesso di case per gli operai, voluto proprio dal “Dott. Giorgio”, alle centrali elettriche, la Canottieri Moto Guzzi  (fondata da Giorgio Parodi e Geraldo Bonelli nel 1930) e molto altro ancora. Tanti anni sono passati da quel 15 marzo 1921, quando Emanuele Vittorio, Giorgio e Angelo Parodi, insieme al loro uomo di fiducia, si trovarono a Genova in Corso Andrea Podestà 5, per firmare l’atto di fondazione davanti al notaio Cassanello e dare inizio ad una storia che  ancora oggi appassiona i numerosi bikers che accorrono numerosissimi per visitare quelle mura che raccontano e custodiscono tante storie di successo. Quella gloriosa epopea, insieme a lettere e documenti inediti di archivi privati, è stata raccolta in un volume (“Giorgio Parodi – Le ali dell’Aquila” ed. Tormena, www.giorgioparodi.it) che parte dalla prima aquila di proprietà della famiglia, quella del Tonno Angelo Parodi, fino ad arrivare al 1955, anno in cui mancò Giorgio Parodi, aviatore coraggioso, brillante imprenditore e da sempre autentica anima sportiva della Moto Guzzi. Un esempio di come la passione di un giovane ragazzo di soli 19 anni possa trasformare un sogno in una realtà che ancora oggi percorre le strade di tutto il mondo. In attesa poi della prossima emozionante edizione genovese dei GP Days, Elena Bagnasco, nipote di Giorgio Parodi, invia un caloroso abbraccio a nome della famiglia a tutti i guzzisti che si troveranno a Mandello del Lario in questi giorni, ringraziando per l’appassionato affetto nei confronti del marchio e il generoso contributo ricevuto durante i GP Days, a favore del Reparto di Medicina Fisica e Riabilitazione dell’Istituto Giannina Gaslini. L’appuntamento da non perdere per tutti  è ora per il 16 ottobre nella bellissima cittadina rivierasca di Celle Ligure per un’intera giornata nel segno dell’aquila dorata, con tante moto, il concerto di Danilo Luce, autore di “Tutti pazzi per la Guzzi”, la Scuola di ‘Voli di Mare’, con la possibilità di provare l’emozione dell’idrovolante, la presentazione del libro e tanto divertimento per tutti, nel segno dell’Aquila dorata.

Ass. Giorgio Parodi

Elena Bagnasco – Presidente

L’Associazione Giorgio Parodi nasce a Genova da un accordo tra Elena Bagnasco, nipote di Giorgio, e l’Aero Club di Genova con scopo di promuovere, programmare, organizzare e realizzare l’attività di celebrazione e rievocazione di Giorgio Parodi, in occasione del Centenario della fondazione della nota casa motociclistica. Elena Bagnasco, genovese, laureata in Scienze Politiche, 2 figli, è nata da Alberto Bagnasco e Marina Parodi, unica figlia ancora in vita di Giorgio Parodi.

L’Aeroclub di Genova è stato fondato nel 1928 da Giorgio ed Enrico Parodi insieme ad Enrico Profumo. ed è uno dei più storici d’Italia. Eccellenza di una città pur marinara, a dimensione europea, forma piloti privati e professionisti.

Associazione Giorgio Parodi

Via Palestro15/9

16122 Genova

www.giorgioparodi.it

Dott.ssa Elena Bagnasco

+39 347 4160880

elena.bagnasco@yahoo.it