332 utenti hanno letto questo articolo

Un anno fa il “Magazine” benevolmente accettò un mio scritto nel quale ironizzavo su certi “diritti”. Avevo nel mirino quei “diritti” che diritti non sono, in quanto nessun potere è in grado di assicurarli, come l’esperienza insegna, e che pure sono scritti in Costituzioni varie: diritto alla casa, al lavoro, alla salute….  Esistono, come si sa, altri diritti che sono una cosa seria, superfluo elencarli. È da questi che vorrei riprendere il discorso, soffermandomi su un aspetto particolare: la loro salute nelle situazioni di emergenza. In tempi recenti la pandemia Covid-19 ci ha privati di diritti già per noi scontati. L’obbligo di vaccinazione per certe categorie era (è) una ferita a quella conquista secolare che è l’Habeas Corpus, ma trovava una forte giustificazione: eravamo in una situazione di emergenza. Ecco allora la parola chiave: emergenza. Qualcuno ha esaminato i bollettini di guerra degli anni 1940-43, e ha constatato che in un paese democratico come l’Inghilterra “abbellivano” la realtà non meno che in un paese a regime dittatoriale, come il nostro. Ma l’emergenza appiattisce certe differenze. La guerra è guerra… In Francia, per fare un altro esempio, la legge sui «foulards islamiques» (divieto di portare il velo in certi ambiti) è manifestamente illiberale. Quale è l’emergenza? Naturalmente, è la strisciante islamizzazione della società francese, che la Francia “non-musulmana”, ancora maggioritaria, quella col mito di Vercingetorige, non accetta. Ricorda qualcosa? Ah già, il paradosso di Popper: un sistema che ha nella sua dottrina la tolleranza erga omnes è destinato ad essere travolto dall’intolleranza, e può sopravvivere solo se, paradossalmente, pratica l’intolleranza nei confronti dell’intolleranza. Il tema “democrazia dell’emergenza” pone – tra altri – il problema di decidere a chi spetti di decidere che cosa è emergenza e che cosa non lo è. È qui il punto. Nel caso dei “foulard islamiques”, a decidere è stato – di fatto – il demos. I detentori del potere, in un sistema nel quale sono periodicamente sottoposti al vaglio elettorale, non possono fare scelte elettoralmente suicide. E allora, può il popolo produrre liberamente una “democrazia non democratica”? No, per la contradizion che nol consente, visto che democrazia significa “potere del demos”, cioè del popolo.  Se una legge è promossa dal demos è democratica per definizione, Convinti? No? Nemmeno io, ma non so se sia il caso di dirlo in giro. Quella legge calpesta un diritto e resta illiberale, comunque, e i Francesi farebbero bene a ricordarsene quando in materia ci ammoniscono col ditino alzato. La “democrazia dell’emergenza”, con la associata limitazione di diritti considerati intangibili, è diventata un tema importante di riflessione politica. Forse perché di emergenze è sempre più ricca la quotidianità come ben sappiamo. Il discorso sui diritti mi ha innescato un pensierino notturno. Forse il sistema democratico, caratteristica e vanto del mondo occidentale, funziona bene nel tempo di pace, quando le tensioni sono moderate. Ma la pace è finita insieme all’Unione Sovietica nel 1989, quando è cominciata la guerra vera per il potere planetario, Ce lo ricorda il rumore di ferraglie che arriva da oltre Carpazi. da un bosco d’alabarde, d’uomini e di cavalli.