1,771 utenti hanno letto questo articolo

E  LE  TASSE  ?

Il  professore  Sfrecola  ha bene inquadrato il problema delle seconde case che , in una visione  distorta  e discriminatoria , sono  irraggiungibili  a causa del Covid e della clausura impostaci . Però  vorrei  aggiungere che , tra poco , saremo  chiamati  a  versare l’IMU  e poi l’IRPEF  su queste seconde case  senza averne potuto usufruire  buona  parte dell’anno , insieme  con la tassa sui rifiuti  che i Comuni  fanno pagare  come se  l’utilizzo  dei locali  fosse di dodici mesi  e non  come è nella realtà  per pochi mesi .Quanto  all’IMU  poi , diversi comuni , per esperienze  dirette  hanno  aumentato le aliquote , sempre già superiori  rispetto a quelle applicate  ai residenti, senza che , anche in questo caso, i  proprietari abbiano  usufruito  di tutti  i servizi  comunali  per l’annualità e senza pensare  ai notevoli  benefici economici  che  i “villeggianti”  apportano  alle attività commerciali di questi  comuni . Ora delle  ingiustizie  fiscali e similari l’elenco  era già lungo , ed adesso  si  è  aggiunto  anche  il mancato utilizzo  obbligatorio  di queste abitazioni  a   causa  di  questo  virus .

UN  NUMERO  PATETICO  DI  UNA  RIVISTA

Giorni  or sono  mi è pervenuta , in quanto socio del T.C.I. , dal  1983 ( tessera  4032771V), proseguendo  una tradizione paterna  risalente al 1910 ( tra vecchie carte  ho  trovato  la tessera di mio padre !),la rivista  “ Touring”   del  mese di aprile. Perché   patetica ? Perché tranne l’articolo  di fondo  del presidente  dedicato  ai problemi  del  Covid, tutto il resto del numero era chiaramente  impostato  prima che scattassero  le restrizioni  e quindi parla  di viaggi  bellissimi , di città meravigliose, con foto eccezionali  che pare  dicano : “ parti , vieni  a conoscerci , a trovarci “ , mentre  siamo in casa da due mesi  e le prospettive  non sono incoraggianti . Conserviamo però  questi  giornale  perché, appena possibile , si possa  programmare  e realizzare quanto propostoci . Credo  che  non ci sia bisogno  di  ricordare la più  che secolare  esperienza   e  benemerenza  di  questo sodalizio , che , alla conoscenza dell’Italia  e del Mondo , ha  contribuito  più  di  qualsiasi altra istituzione . Dalle  “Guide Rosse” dei primi  anni  del secolo scorso ,alle carte geografiche  ed automobilistiche ,alle  prestigiose  riviste  mensili “Le  vie d’Italia” e “Le vie del mondo”  e poi  alle “Guide  verdi”  dei paesi  esteri, credo  che  il  Touring  abbia  acquisito  delle benemerenze  storiche , forse uniche al mondo, per un  turismo  colto  ed intelligente , anche amante  e rispettoso  della natura , e della conoscenza e comprensione tra i popoli , che  è  il  vero  ed efficace  turismo.

SOLE  ED  ABBANDONATE

Sul  “Corriere della Sera “  del  1  maggio ,leggo  la notizie  della  occupazione abusive di alcune villette della Aeronautica Militare , in via delle Baleniere  ad Ostia ,abbandonate  e , pare , anche  non  terminate . Indi  scandalo  ed  ire  da certa parte politica  che nulla avrebbe  detto  se l’occupazione fosse stata effettuata  da  centri  cosiddetti  sociali  e simili , solo perché   invece effettuata  ad opera di una organizzazione  di estrema destra. Scandalo  ed ira  anche di un  Sottosegretario   alla Difesa. “atto gravissimo, sporgeremo denuncia”. Questo  il fatto. Veniamo  alle  considerazioni : primo si scopre che  questa situazione di abbandono  si protraeva da una decina  d’anni, lasciando  deperire un patrimonio  non trascurabile  ed utilizzabile per far fronte  ad esigenze abitative  sempre più pressanti . Secondo : la  causa del fermo in  un contenzioso con  Regione e  Comune  che non si è saputo risolvere  in tutti questi anni, per cui il Sottosegretario  avrebbe dovuto chiedere  ai suoi uffici  notizie  precise  , prima di gridare al “gravissimo” . Gravissimo certo , ma  per cosa ? Per  un ritardo  e per  il conseguente  deterioramento o per  una occupazione dovuta  ad  uno  stato  di necessità ( così  pare ). E  per i soldi  ( nostri) inutilmente  spesi  si  è  mosso  qualcuno ? Quanti  “non finiti” abbiamo  in Italia ? Forse questo  sarebbe rimasto nascosto ed ignorato  per quanti altri  anni? Questi  sono  i veri problemi  insoluti  per i quali  stracciarsi  le vesti .

Domenico  Giglio