2,486 utenti hanno letto questo articolo

Nel dramma che stiamo vivendo e che potrebbe avere drammatiche conseguenze politiche, una buona notizia c’è: le Istituzioni europee funzionano.
In un primo momento è sembrato che tutto potesse collassare. In tutte le cancellerie europee come seguendo un unico squillo di tromba gli spettri del passato sono riapparsi. La paura del contagio ha fatto emergere di nuovo i vecchi spettri del nazionalismo politica e del protezionismo economico, con Germania e Francia che bloccano gli acquisti di mascherine fatte da noi italiani e la Lagarde, che dai tempi dell’FMI deve essere strigliata per farle fare la cosa giusta, che se ne lavava le mani degli spread.
Ma poi è intervenuta la Commissione. Ursula Gertrud von der Leyen, la Presidente, sta assumendo un ruolo di importanza storica perchè sta salvando l’Europa dalla spirale di azioni, ritorsioni, ripicche e vendette nella quale ci eravamo infilati in un batti baleno, buttando a mare decenni di sforzi per evitare che il passato, fatto di guerre e morti, potesse ritornare.
L’Europa, vale la pena ricordarlo, nasce per assolvere a un unico, fondamentale compito: evitare che quelle che sono delle vere e proprie macchine da guerra, vale a dire gli Stati, si lancino di nuovo in una politica di potenza e noi riprendessimo a scannarci come abbiamo fatto per secoli.
L’intervento della Commissione è stato provvidenziale, le merci sono ripartite, la BCE ha iniziato a fare il suo dovere, e gli Stati sembra che stiamo ubbidendo: la prospettiva che gli Eurobond si facciamo ora è concreta.
In sintesi, l’Europa ci sta salvando, mentre gli stati europei stavano portandoci al disastro.
La crisi del Coronavirus ha avuto l’effetto di spazzare via in un sol colpo incrostazioni di decenni e mostrare le cose con estrema chiarezza. La più importante delle quali è la seguente: gli spettri del passato non sono morti, ma vivono ancora nell’animo degli europei. I secoli non sono passati e la politica europea continua ad essere vissuta come un gioco a somma zero. È bastata una crisi come quella della pandemia perchè quegli spettri ritornassero allo scoperto.
Questo significa che camminiamo su un filo sottile al di sopra del baratro, vale a dire al ritorno del passato e cioè delle guerre europee. Solo l’Unione europea ci può portare nel mondo nuovo, salvandoci da noi stessi.