1,388 utenti hanno letto questo articolo

Dopo avervi proposto il libro dell’immunologo Speciani dal provocatorio titolo “Le intolleranze alimentari non esistono” (http://www.pannunziomagazine.it/le-allergie-alimentari-non-esistono-di-attilio-speciani-recensione-di-riccardo-ferrero/) vi parlo del libro del lontano ormai 2017 della biologa nutrizionista Subacchi che invece proprio sulle intolleranze alimentari incentra tutto il discorso. Entrambi i libri sono illuminanti anche per uno come me che si interessa del versante psicologico della cura del sovrappeso per 2 motivi:

  1. Nonostante i 2 libri partano dal titolo da presupposti completamente opposti e antitetici in realtà entrambi illustrano bene come e quando il cibo possa essere in relazione con una serie di processi infiammatori che si vengono a creare nell’organismo.
  2. Nonostante lo stress psicologico patologico (distress) sia in primis correlato ad un’alterazione dei meccanismi che gestiscono i livelli infiammatori cronici di basso grado (L.G.C.I.) in entrambi i libri questo aspetto è poco/per nulla evidenziato.

I punti chiave del libro

  • L’alimentazione può partire dalla considerazione di tutti gli alimenti senza a priori demonizzarne o esaltarne nessuno. A tale proposito vengono portati gli esempi della dieta mediterranea e della campagna nutrizionale My Plate
  • Dieta non vuole dire fare la fame: “ Dottoressa, io mangio poco , a volte salto il pranzo, eppure non dimagrisco” “certo” rispondo io , “non dimagrisci proprio perché non mangi”. Io trovo che questa sia una affermazione coraggiosa e impopolare e per questo degna di stima per l’autrice. Oggi la fortuna economica di molte diete affamanti risiede non nel loro potere di far dimagrire sul lungo periodo ma di accontentare le persone che vogliono punirsi simbolicamente per problematiche psicologiche inconsapevoli irrisolte.
  • C’è un chiaro collegamento tra i concetti di “intolleranza” , infiammazione e sovrappeso.
  • L’allergia è una reazione immunologica mentre “intolleranza” è legata ad una “fatica” nel digerire/assimilare.
  • Elenco delle categorie alimentari in rapporto alle reazioni allergiche.
  • Chiara spiegazione dei test per le allergie e di cosa sia la crossreattività
  • Importanza dei cibi “integrali” con tutte le informazioni utili per scegliere quelli migliori senza cadere nelle trappole del marketing (ovvero i cibi “finti integrali” che fanno più danni dei raffinati).
  • Come e dove e perchè trovare gli antiossidanti nei cibi.
  • “Sdoganamento” deli grassi: il burro e l’olio se di qualità e usati correttamente (come ogni cibo!)  sono fondamentali per un’alimentazione salutare e dimagrante.
  • Ultimo punto chiave del libro sono un centinaio di pagine di ricette.

Vi raccomando di leggere entrambi i 2 libri se vi interessa l’argomento cibo/cura del sovrappeso da punti di vista scientifici solo apparentemente agli antipodi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.