2,197 utenti hanno letto questo articolo

La crisi che stiamo vivendo legittima l’individuazione di una
nuova forma sociale, quella della “Banalità del potere”, analoga alla
categoria dell “Banalità del male”, analizzata da Hannah Arendt a
proposito di Eichmann. Questa forma si presenta con annunci in tono di
‘pluralis majestatis’, del tipo “Noi consentiamo”, “Noi concediamo”, come
se i diritti fossero prerogativa ‘octroyée’ di stampo o regime ‘ancièn’
e autoritario. Oppure: “È’ consentito ai congiunti”; “Non è concesso
agli anziani”; “Si concede alle relazioni stabili, l’incontro”; “Non si
consente ai preti”, e via dicendo. Oppure ancora: “Combattiamo la
burocrazia”; ma con tono gelido del peggior burocratismo, e nel mentre si
moltiplicano gli enti e gli effetti della burocrazia ( comitati di esperti
o tecnici,o “medici consultori” come li chiamava ironicamente Croce ). O
si pagano tutte le spese ai militari russi il cui arrivo in Italia è
stato autorizzato dal premier Conte ( e si tace sulle minacce gravissime
ai giornalisti della “Stampa”, come Jacoboni e altri, per aver sollevato
qualche dubbio sulla operazione “Dalla Russia con amore” ). E se fossimo,
invece, in presenza dell’orwelliano “linguaggio capovolto”, del tipo “War
is Peace”, o del modello “Pacifistes contre la Paix”, coraggiosamente
denunciato dal dissidente Vladimir Bukowskj ? Il liberale diffida del
potere e dei suoi abusi; di questo ammantarsi di alti propositi e decadere
in condizioni burocratico-poliziesche; della sproporzione tra mente e
animo, coperta di gelido rapporto amministrativo ( i ben noti, e
reiterati, “dpcm”, o decreti del presidente del Consiglio dei ministri ),
oltrepassando il Parlamento. Mi sta in mente l’appello al “mondo della
vita” husserliano, rivendicato dal filosofo ceco Jan Patocka, tra i
firmatari della “Charta 77”, ucciso dalla polizia Ceca nel corso di un
interrogatorio, il quale si opponeva al mondo totalitario del regime
burocratico-poliziesco. Perciò: la “Banalità del potere”, oggi,
costituisce il grave pericolo per la concezione liberale delle istituzioni
e del consorzio civile. Giuseppe Brescia – Società di Storia Patria per
la Puglia